Sei grasso? Può essere colpa di Twitter.

Oggi al Bar Apocalyptic di Eidos, Francesca Melli, brand consultant, ci racconta di come Twitter sia una tentazione continua.

Resta pochissimo tempo per la prova costume, così poco che è bene prepararsi una scusa intelligente per giustificare i chili di troppo. Io ne ho una fantastica e pure tecnologica con cui  distrarre i miei interlocutori: il BakerTweet.
Mettiamo che due/tre mesi fa abbiate deciso di mettervi a dieta – Dukan, Tisanoreica, del Fantino, fate un po’ voi – e che stamattina la bilancia vi abbia sbattuto in faccia la cruda verità: non solo non avete perso un grammo, ma siete pure ingrassati. Come mai? Colpa di BakerTweet, ovviamente.
Hai voglia a non comprare nulla che contenga più di 13 calorie al metro quadrato, a declinare inviti ad aperitivi e cene, ma se il vostro panettiere-pasticcere di fiducia vi twitta all’orecchio “Ehi, sto sfornando i panini ai semi di girasole che ti piacciono tanto… Perché non vieni?” oppure “Sono appena arrivati i lamponi freschi, mi sa che più tardi faccio la crostata alla crema, interessa?” non c’è rimedio.
Insomma, qualche sadico – di sicuro quelli che, mentre azzannano un krapfen alla doppia crema, dicono “mangio tantissimo, ma non metto su un grammo” – ha inventato un dispositivo che permette ai fornai e pasticceri di avvisare la loro clientela ogni volta che preparano squisitezze profumate. Sono comunicazioni all’apparenza innocue, ma per chi è a dieta possono rappresentare un supplizio, una prova nella prova, un invito a deragliare dal computo delle calorie.
Sì, io darò la colpa al BakerTweet, fa niente se in Italia ancora non lo usa nessuno. Solo sapere che esiste, mi fa venire voglia di una sfogliatella all’albicocca, anzi due.

Grazie di essere passata al Bar e aver scritto per noi a Francesca Melli, ideatrice di Brand Angel, si prende cura delle marche perché trovino la voce giusta per far breccia nel cuore del loro target. È curiosa di ogni parola scritta, mezzo di comunicazione e manifestazione visiva, sonora, fisica o digitale, in cui si imbatte. http://www.brandangel.it  Twitter @francescamelli

Credits Immagine: http://www.cenerentolaincucina.com/2010/04/krapfeno-bomboloni-alla-crema.html

 

Annunci