Orticaria da spot

Oggi al Bar Apocalyptic di Eidos, Francesca Melli, brand consultant, ci racconta il suo personalissimo punto di vista su alcuni attuali spot adv.

Ogni giorno, ci viene somministrata una buona dose di pubblicità: può avvenire per via “aerea” o digitale, attraverso la carta stampata o la superficie brillante di un tablet, stando fermi o viaggiando, non abbiamo scampo.
Molte di queste comunicazioni ci scivolano addosso, perché non siamo il target giusto, altre ci colpiscono, altre ancora ci irritano.
Eccone alcune tratte dalla categoria “spot irritanti”:

IL DIVANO DI SABBRINA
Un’ilare Sabrina Ferilli risponde al telefono dallo show room di un noto brand di sofà, spiegando alla poveraccia che sta dall’altra parte del filo che sì, è tornata. E dov’è stata? Chiede per cortesia la sua interlocutrice. In giro, dalle amiche, nipoti, dall’estetista, sa noi donne…! Le risponde complice e sempre più gioconda Sabbrina (la doppia b è di rigore). Ergo, quando hai finito di fare tutte, ma proprio tutte  le tue cose da donna, torni qua a imbonirci sui divani? Ma vedi d’annattene, Sabbry!

L’ORSO MENEGHINO
Chi sarà il genio che ha pensato di accostare un orso bruno (e Bruno anche di nome, per un tocco di creatività extra) dall’incredibile accento milanese a un piano tariffario di tutto relax? I siparietti con l’orso protagonista hanno il tasso comico di un carosello di Macario, ma nemmeno un briciolo della loro grazia. Bruno infoltisce lo zoo di testimonial animali: il gorilla del bitter, il leone dell’elettronica, la gallina dei biscotti. Uno più scemo dell’altro.

LA PRINCIPESSA PULISCITUTTO
Al momento abbiamo 3 ministre donna, un’altra è a capo del più grande sindacato italiano, un’altra ancora è presidente della RAI, molte donne sono finalmente arrivate a ruoli chiave senza passare per le stanze da letto di nessuno, ci sforziamo di spiegare alle nostre figlie e nipoti che l’impegno, lo studio, l’autostima pagano, poi arriva un potente detersivo per la casa e rimette le lancette agli anni ’50… Nessuno tra i valorosi cavalieri riesce a pulire come si deve i metalli incrostati, poi arriva lei, travestita da lui, s’intende, pulisce tutto e diventa regina… della casa, of course!

To be continued…

Grazie di essere passata al Bar e aver scritto per noi a Francesca Melli, ideatrice di Brand Angel, si prende cura delle marche perché trovino la voce giusta per far breccia nel cuore del loro target. È curiosa di ogni parola scritta, mezzo di comunicazione e manifestazione visiva, sonora, fisica o digitale, in cui si imbatte. http://www.brandangel.it  Twitter @francescamelli