Coca Cola, abbasso lo zucchero, viva i magri. Mea culpa o tua culpa?

Grasso è bello, grasso è brutto. E così via, prima da una parte e poi dall’altra della barricata (ehm, diciamo che questo genere di metafore non mi si addice molto, io piuttosto che saltare la barricata, preferisco girarci intorno) ma approfittiamone.

Un tema che appassiona e divide, soprattutto i grassi dai magri. Ma ultimamente ci ha pensato la Coca Cola, “nientepopodimenoche” il brand icona più trans generazionale del mondo che oltre al nettare ambrato produce oltre 180 tipi di bevande.

Infatti la Coca Cola con uno spot di 2 minuti, andato in onda solo in America ci ha comunicato che Grasso è brutto e che essere Obesi è un rischio. Ma come? Il carnefice e la vittima si sono scambiati di ruolo? E si perché la Coca Cola dice sintetizzando: troppo zucchero fa male e noi (che siamo i più bravi del mondo) ci stiamo impegnando per salvarvi la vita trovando nuove forme di dolcificanti naturali e riducendo il volume delle nostre lattine” poi aggiunge “e voi che fate?”. Noi veramente, ecco mia cara signora Coca Cola, una ogni tanto non fa male e poi fa digerire e poi disseta e poi ora che ci penso…fino a ieri cercavate di mettermela a tavola pure con la carbonara grazie allo sguardo seduttivo (per alcuni, s’intende) dello chef belloccio TV (poi censurato perché “propone modelli di consumo e stili di vita non improntati alla massima correttezza, in termini di educazione alimentare”.

Anzi ora che ci penso ancora meglio…ma vai a quel paese. Ehm scusa deve esser lo zucchero.

Poi mi torna aDSC_0446lla mente, come tutti sapete (vero?), il mio viaggio Giapponese. A Tokyo ci sono circa 5.000 vending machine coloratissime, ultra pop che vendono bibite. Alcune improponibili (quasi tutte americane) ma molte per lo più, tantissime (soprattutto Giapponesi), soprattutto tè senza zucchero, amari per intenderci e penso al senso di inadeguatezza che ho provato entrando in una delle terme giapponesi dove come mamma mi ha fatto mi confrontavo con donne normali (li sono tutte normali, la chirurgia plastica non tira) ma senza un filo di grasso.

Ecco cara Coca Cola, so che la colpa è mia e che molte sgollate del tuo prodotto me le potevo risparmiare se avessi voluto. Ma non è che tu, che sai come si soddisfano i bisogni delle masse, sì tu, forse, qualche responsabilità ce l’hai. E comunque meglio tardi che mai.

Eidos tweet: il problema dell’obesità come dice il mio amico Dukan è un emergenza mondiale speriamo che si cominci a fare le cose seriamente. Con buona pace della matriciana (ops..)

Annunci