Ikea si lancia nel mondo alberghiero: nasce Moxi Hotels!

Schermata 03-2456359 alle 17.01.41Tante aziende sentono la crisi in questo periodo! Ikea sembra di no.. Anzi..tutt’altro! Investe (non solo aprendo nuovi punti vendita) lanciandosi nel mondo degli hotel! Ebbene si..il brand di arredamento più famoso al mondo conosciuto a tutti per i prezzi contenuti e il vasto assortimento espositivo, lancerà insieme al gruppo statunitense Marriott, una catena alberghiera destinata ad un pubblico giovane e attento alla tecnologia. Il nome? Moxy Hotels. (fonte: Wall Street Journal). Una novità importante nello scenario alberghiero internazionale, che vede per la prima volta un colosso dell’arredamento come Ikea introdursi in questo mercato. Ikea, a differenza di quanto potranno pensare in molti,non doterà gli hotel Moxy delle proprie linee di arredamento e design ma fornirà a costruttori e arredatori direttive specifiche che dovrebbero contribuire ad abbassare i costi di costruzione e gestione dei locale mentre la gestione delle strutture verrà data in franchising a Nordic Hospitality, un operatore alberghiero che gestisce giù numerosi hotel a brand Marriott in Scandinavia. Rientranti nella categoria economy (stiamo parlando di hotel 3 stelle) e destinati ad un target viaggiatori giovani e oculati (altro non poteva essere vista anche la filosofia del brand svedese), le prime strutture  dovrebbero aprire in Gran Bretagna, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Austria e Italia. E proprio in Italia, a Milano Malpensa per l’esattezza, verrà alla luce nel 2014 il primo Moxy Hotel. Al momento, a livello strategico il progetto Moxi è molto ambizioso:  è previsto infatti un  piano di espansione, che nel prossimo decennio prevede di raggiungere un totale di 150 Moxy in franchising in tutto il Vecchio Continente, con un focus particolare nei paesi del nord e in Scandinavia. Le prossime inaugurazioni sono previste a Berlino, Francoforte e Londra e le prime 50 strutture apriranno i battenti nei prossimi cinque anni, posizionandosi, a livello di localizzazione,  nelle vicinanze di stazioni ferroviarie, metropolitane  e aeroporti, per rendere facili e comodi gli spostamenti degli ospiti all’interno delle città. Gli alberghi Moxy, come afferma l’Inkiesta,  avranno fra le 150 e le 300 stanze, con una superficie media per camera di 17 mq, tutte equipaggiate con televisori a schermo piatto, porte usb, wi-fi gratuito e pareti artistiche per riflettere, e richiamare la città in cui ha sede l’hotel. Il costo di sviluppo è previsto in 45mila euro a camera. Il prezzo finale sarà compreso fra i 60 e gli 90 euro a notte. Un prezzo in media con quanto richiesto da pari strutture a livello europeo. Moxy Hotels metteranno a disposizione dei propri ospiti anche spazi meeting Plug and Meet con sedili ergonomici, writing wall di grandi dimensioni e schermi a 56 pollici per la proiezione di presentazioni. Una bella novità quindi che potrà contribuire anche per l’Italia nel dare una mano a rilanciare il turismo , oramai abbastanza in crisi??!?!? Staremo a vedere!

Eidostweet: Ikea si lancia nel mondo degli hotel. Ma questa volta almeno non dovremo costruirceli come succede per i mobili! 🙂

Annunci