Cani e padroni: chi si somiglia si piglia

L’argomento è molto delicato, lo so (magari qualcuno si offenderà). Premetto che nella mia vita non ho mai avuto un cane, neanche di quelli “ah sì, ne avevamo uno in cortile, andava e veniva”. Ho abitato per tutta la vita in appartamento e tra i divieti posti dai miei, c’era quello di portare in casa qualsiasi tipo di animale domestico a quattro zampe.

Quindi non ho mai avuto il piacere di sentire frasi del genere “che amore, mi segue dappertutto”, “io lo porto ovunque, a casa non lo lascio mai solo, e se poi piange?” “è più di un figlio per me”. I cani per i padroni si sa, sò piezz e cor, e se fossero di più? Se, per qualche strano caso della natura o vuoi del destino invece assomigliassero proprio ai loro padroni. Se ci penso mi viene in mente una scena fantastica della Carica dei 101 , dove Pongo, dalla finestra, osserva le strane accoppiate cani/padroni che vanno al parco. Bellissima! Ve la ricordate? Ma al giorno d’oggi siamo andati ben oltre. Come? Ci ha provato Zach Rose, canadese di 23 anni, sovrapponendo la testa del cane sul proprio padrone e realizzando un vero e proprio progetto fotografico Pettheadz, di cui potete vedere alcune foto. Sul suo profilo Instagram   http://instagram.com/zachdriftwood ne troverete molte altre. A questo punto non resta che scoprire le differenze o meglio le somiglianze 🙂

Schermata 05-2456433 alle 18.34.07

Schermata 05-2456433 alle 18.30.48

Schermata 05-2456433 alle 18.30.26Schermata 05-2456433 alle 18.30.05

Eidos Tweet: un progetto che unisce l’amore per gli animali e la creatività ci piace sempre!

Annunci