La rivoluzione di zio McDonald’s

Il Fast Food vuole fare pace con lo Slow Food?

Il diavolo vuole farsi un bagnetto nell’acqua santa (forse neanche tanto)?

A meno che non abbiate tv, pc e radio rotti e che i giornali li compriate solo per accendere la stufa (che in questi giorni di fine maggio è perfetta), avrete sicuramente sentito parlare del matrimonio dell’anno!

No, non sto parlando di Valeria Marini, ma dell’italianissima mamma Barilla e del nipotino dello zio Sam, McDonald’s.

E così, presto, la pasta e più precisamente le pennette, entrerà nei 464 McDonald’s d’Italia sotto forma di insalata di pasta condita con tonno, pomodori, peperoni, capperi e olive, insaporiti da un pizzico di origano e sale. All’orizzonte di questa decisione c’è la volontà di convincere chi non ama l’hamburger e soprattutto il pubblico femminile che dovrebbe essere attratto dalla combinazione insalata+pasta.

Insalata di pasta

Così per lanciare il nuovo menù e ribadire che sono proprio le donne il target di riferimento, è stata scelta come madrina d’eccezione Belen Rodriguez, che ha assaggiato la prima forchettata di insalata di pasta mai consumata in un McDonald’s.

Barilla+McDonald's

Per McDonald’s, che già in passato aveva azzardato qualche incursione gastronomica nel Bel Paese con esperimenti non tanto riusciti a base di Parmigiano Reggiano, speck dell’Alto Adige, Mozzarella campana e formaggio Asiago Dop, si tratta di una strategia commerciale che, secondo le previsioni, frutterà ben 10 milioni di euro da qui a fine anno. E se tutto dovesse andare bene, l’esperimento italiano verrà esteso al resto d’Europa, cominciando dai Paesi legati alla dieta mediterranea come Francia, Spagna e Portogallo.

Per Barilla, che già da tempo cerca di attraversare l’Oceano per diventare il marchio leader negli Stati Uniti, l’accordo con McDonald’s vorrebbe dire crescere e internazionalizzarsi sempre di più, raddoppiando il fatturato, aprendo così nuovi canali di vendita anche extra-Italia.

Ma, adesso che siamo tutti informati sui fatti, la domanda si pone spontanea.

Barilla, che tanto si nomina come la pasta degli italiani, propria di tradizione gastronimica antichissima etc, etc.. cosa c’entra con McDonald’s?

Non ci avevano detto e ri-detto che “Dove c’è Barilla, c’è casa”? Sì, al McDonald’s? Dove i genitori portano i figli il sabato, dopo un’interminabile settimana di preghiere, pianti e urla che si concludono in un straziante e sdolcinato “Un happy meal, per piacere…”.

Ah già, è un menù dedicato alle donne… Perchè le donne sono attente alla linea. E allora dove va a finire quella chiassosa campagna sulla carne italiana, magra, sana e quell’olio non bruciato, cambiato ad ogni sfornata di patatine? Sembrava quasi che mangiando da McDonald’s si dovesse dimagrire!

Concludo però, togliendo il cappello, e facendo i complimenti ai patron Barilla e McDonald’s Italia per questo successo, ma vi prego: Belen NO!

Eidos Tweet: vivere slow (food) al tempo del fast (food).

Annunci