Ti presento la Musa!

Oggi vi parlo di arte, ma anche di fotografia e soprattutto di Photoshop.

Amato e odiato, Photoshop è un software specializzato nell’elaborazione di fotografie e, più in generale, di immagini digitali.

Ed è proprio questo che oggi vi propongo, elaborazione! Non ritocchini, togli una ruga di qui, affina i fianchi di là, ma vera e propria manipolazione dell’immagine.

71a203d0ba6b1936f76e58072afe94dc

0adf4f4e36e637d484bbdaaecba4f09d

“Nowadays almost every photographer use graphics software to complete the picture, like many painters used ‘original version’ in the past. Some artists use pure imagination to paint their artworks, others may prefer to create art by using a real life model as reference for the anatomy. What if these abstract models were real people?”

Queste sono le parole di Flora Borsi, artista ungherese autrice di questi scatti, con relativi ritocchi, che raffigurano opere di grandi pittori con a fianco le loro ipotetiche muse in carne ed ossa.

Vorrei ricordare infatti che Photoshop è uno strumento, così come lo sono pennelli e pastelli a cera, e può essere usato non solo per modellare corpi già perfetti, ma anche per emozionare, stupire, disgustare e ammutolire; in una parola, immaginare.

76d0bce2609e7ac53a4d409d45958f48

f4f409b3aa38722759591ad7e0009a48

Eidos Tweet: ritoccatevi la vostra immaginazione!

Annunci