Instagram Vs Vine: è guerra all’ultimo video!

Cari amici social, chi di voi non ha ancora provato a girare un video con Instagram o Vine alzi la mano! E se non ci avete mai provato vi consiglio assolutamente di farlo!
La guerra tra i giganti dei Social Media, Facebook che ha acquisito Instagram e Twitter che ha lanciato Vine, è iniziata da poche settimane, e già in rete si rincorrono commenti e suggerimenti per il loro utilizzo.

Gli utenti privati la fanno di sicuro da padrone, ma moltissime aziende stanno iniziando ad utilizzare la app sulla loro pagine. Date un occhio a  Burberry e ai suoi video del backstage della MMW appena passata.

Devo dire che io le ho provate entrambi le due app e sono rimasta piacevolmente colpita da Vine: intuitiva, instantanea, divertente. Ma andiamo per ordine e mettiamole a confronto:

La durata
6 secondi di Vine contro 15 di Instagram. Una scelta che amplia non solo la durata dei video ma anche le possibilità stilistiche: addio all’ansia da prestazione quindi un punto ad Instagram!

La registrazione
Una volta che si registra un video con Vine non si può tornare indietro. Nel senso che non si possono effettuare modifiche. Instagram da invece la possibilità di cancellare i frame che non ci piacciono e registrare nuovamente la parte del video che ci interessa, ma si possono solo cancellare le clip separatamente a partire dall’ultima, questo significa che se voglio cancellare il primo secondo dei quindici dobbiamo buttare via tutto.
Direi che entrambi devono migliorare.

I filtri
Sono ben 13 i filtri riservati alla versione video di Instagram,  oltre alla possibilità di scegliere il frame preferito per farne la copertina del video: insomma Vine deve ancora imparare.

La condivisione
Di sicuro Vine è ad un passo in avanti. Mentre Instagram non permette di salvare il video in bozza, ma bisogna condividerlo obbligatoriamente, resta anche un mondo chiuso in quanto è possibile visualizzare i video solo nella App o nella versione desktop. Vine invece permette lo share anche su un sito web tradizionale, aprendo insomma un mondo di possibilità per chi è interessato a fare uno share più massiccio dei video. Inoltre Instagram non permette ancora di scegliere di visualizzare solamente i video e non le foto, cosa che con Vine ovviamente non accade.

Insomma ormai ci hanno abituato fin troppo bene e aspettiamo di ricevere quanto prima miglioramenti e aggiornamenti di entrambi le app!

Eidos tweet: il futuro della comunicazione è dalla parte dei mini-video. Stay tuned!

Annunci