Vacanze, è tempo di libri

Ok, i 40 ruggenti stanno arrivando e mi sembra giunto il momento di cominciare a parlare di libri per le vacanze. Io ho il mio spacciatore di fiducia che si chiama Fabio; ha aperto due librerie eroiche, una a Ventotene e una a Camogli, ed è il miglior libraio del mondo. Potete leggere la sua bellissima storia qui.

Sono già passata da lui e ho già in tasca il colpo giusto che mi ha permesso di fare un figurone l’altra sera ad un tavolo di scrittori e gente dell’editoria dove si festeggiava la vittoria del premio Strega (io il libro di Walter Siti l’ho letto mesi fa…che vi credete, e mi era anche piaciuto, per quanto agghiacciante).

Al suddetto tavolo si bisbigliavano titoli come segreti di stato e quando il tono si è alzato e ho percepito quel nome, che soddisfazione poter dire:  ce l’ho sul comodino. Si tratta di ‘I Melrose’ di Edward St Aubyn editore Neri Pozza. Una saga familiare raffinata e spietata…dicono. Le sue 730 pagine saranno “IL” mio libro per le vacanze. Anche se in realtá di libro per le vacanze ne avrei anche un altro, ehm… dall’anno scorso: “La pastorale americana” di Philip Roth che l’anno scorso non ha superato la prova barca, surclassato da ben più facile scoperta della saga (4 titoli)  de “Les italienne” di Enrico Pandiani, noir italiano ambientato a Parigi, perfetto per rendere le vacanze leggere leggere e da me bevuto in un’unica soluzione alla quale quest’anno si è aggiunto anche ‘La donna di troppo’, che inaugura una nuova stagione per Rizzoli e un nuovo personaggio.

Ma quali sono i libri dell’estate 2013?

Ho provato a cercare indicazioni sul web, ma non ne ho trovata una uguale ad un’altra. Qui i link di alcune riviste che consigliano libri imperdibili sempre diversi, che tutto sommato è una buona notizia.

Panorama

Vanity Fair

Piccoli lettori crescono

Il Messaggero

Tra tutti mi hanno incuriosito:

La verità sul caso Harry Quebert – Dicker Joël (Bompiani), perchè Fabio me lo aveva proposto in seconda battuta.

libro

Il tessitore di sogni di Patty smith perchè il suo precedete just kids è uno dei libri che mi è piaciuto di più negli ultimi anni.

libro2

“Mick Jagger” di Philip Norman, Mondadori, perchè le storie di chi ha vissuto un epoca sono più interessanti dell’epoca stessa

Mick-Jagger-di-Philip-Norman-Mondadori_hg_full_p

Ho sposato il mondo» di Elsa Maxwell, Elliot, perchè anche i pettegolezzi non sono più gli stessi.

libro4

Buona lettura

Eidos Tweet: Fondare biblioteche è un po’ come costruire ancora granai pubblici: ammassare riserve contro l’inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.” (Margherite Yourcenar, Memorie di Adriano).

(Immagine di copertina da il post.it)

Annunci