Un week end a tutto Cheese

20formaggiI formaggi sono il mio cibo preferito. I formaggi fanno ingrassare. Io non posso mangiare formaggi. Ergo questo week end vado a Cheese, la più grande fiera del Formaggio reallizzata da Slow food  dal 20 al 23 settembre  e che anima le strade e le piazze di Bra (Cn), celebrando il variegato mondo del latte e dei formaggi. Infiniti gli appuntamenti da non perdere, tra conferenze, assaggi, scoperte e musica. C’è il Mercato dei Formaggi di piazza Carlo Alberto con 3000 metri quadri in cui si alternano centinaia di casari italiani e stranieri per proporre i loro prodotti unici, raccontandone storia e tradizioni. c’è la Via degli Affinatori , regno degli artigiani che con immensa pazienza arricchiscono i formaggi di personalità aromatiche e sapori straordinari. E pre non farci mancare niente c’è Mobile Food: leccornie ambulanti dei romagnoli Cinemadivino, patate ripiene preparate dall’originale gastronomia torinese Poormanger e yogurt di latte crudo Famù proposto dagli occitani Sabaco D’Oc. E poi i Presìdi Slow Food, in cui spaziare dal latte di cammello dei pastori etiopi karrayu al burro d’alpeggio a latte crudo dell’alto Elvo biellese, passando dal formaggio di malga trentino del Lagorai. Ma niente paura (!) Non solo formaggi, comunque: a profumare le bancarelle anche pani, confetture, mieli e molti altri prodotti tutelati dall’associazione della chiocciola e vicinoal  cortile delle Scuole Maschili di via Vittorio Emanuele, c’è la Piazza della Pizza i Chioschi Degustazione per assaggiare le specialità regionali più tipiche, dalle olive all’ascolana ai piatti della cucina langarola. Ecco sto a posto. Ma in tutto questo ci siamo anche noi di Eidos con il nostro cliente formaggi Ferrari che al Caffè Letterario del cortile di Slow Food Editore, presenta una partnership con Slow Food. Una partnership che nasce dalla condivisione dei valori della tutela della tipicità e della biodiversità, dei saperi produttivi tradizionali e dei territori e  che si concretizza in un prodotto unico, un packaging dove il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna (stagionato 30 mesi) viene proposto all’interno della GDO in abbinamento a mieli e composte di agrumi prodotti dai Presìdi di Slow Food. Grazie a Ferrari e al suo caseificio, contrassegnato dalla matricola 2100, di Parmigiano Reggiano di Bedonia nell’ AltaValtaro (Parma), viene valorizzata una produzione di nicchia e di alta qualità, quella del Parmigiano Reggiano DOP Prodotto di Montagna, preservando l’economia montana della zona e salvaguardando il territorio e l’attività delle persone che ci lavorano, da chi conferisce il latte e chi lo lavora da sempre con amore.  Prodotto esclusivamente con latte proveniente dai comuni dell’ Alta ValTaro (Albareto, Bedonia, Borgo Vai di taro, Compiano Valmozzola e Tornolo) con un’altitudine media di raccolta di 700 m dal livello del mare, questo formaggio rientra nella limitata produzione di Parmigiano Reggiano che può quindi fregiarsi del titolo di “Prodotto di Montagna”. Ferrari sarà presente alla manifestazione con uno spazio dedicato alle sue eccellenze: Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna, Grana Padano Riserva, Emmentaler Switzerland. All’interno tanti appuntamenti per degustare e conoscere la qualità dei prodotti Ferrari.

EidosTweet: un formaggio ala giorno toglie il medico di torno…non proprio, ma è tanto buono.

Annunci