#facebookdown: anche il famoso social network è andato in shutdown!

Il termine “shutodown” è ultimamente molto di moda. C’è stato lo shutdown americano che ha messo in crisi Obama & C. C’è stato il rischio di shutdown europeo (solamente accennato per il momento). E ieri è toccato a facebook. Per “un paio d’ore” infatti sul social network non è stato possibile postare, commentare, cliccare mi piace, condividere foto…niente di niente insomma.  Di questo problema mondiale ce ne siamo accorti anche noi in agenzia, che con facebook per motivi lavorativi, abbiamo a che fare quotidianamente Non entrando nel merito della cosa (probabilmente ci saranno stati dei problemi tecnici, suppongo), quello che più mi ha colpito è stata la reazione dei media a questo problema tecnico che per poche ore ha sconvolto l’esistenza social di molti. Su twitter subito di è scatenato un giro di sfottò raggruppati sotto l’hashtag #facebookdown, che in pochissimo tempo è diventato il trend topic mondiale più letto. In rete molte testate hanno parlato della cosa (da Wired.it a siti generalisti e specializzati in tecnologia  non si sono fatto sfuggire la news). Anche radio e tv non hanno esitato a dare spazio alla notizia: dal gr di Radio 24 ai Tg nazionali, il crollo di facebook è passato nei notiziari tardo pomeridiani e seriali. Detto tutto questo mi vengono alcune considerazioni da fare 1) Marhsalll McLuhan affermò anni fa che il medium è il messaggio. Niente di più vero! La versione moderna potrebbe essere “il social media” è il messaggio. Facebook, twitter, etc..sono passati dall’essere contenitori di contenuti da condividere, a contenuti di altri contenitori (tv in primis, ecc) . 2) L’enfasi con cui è stato sottolineato questo problema tecnico è significativa ormai di quanto i social network, e facebook in particolar modo,  sembrino essere (se già non lo sono) ormai una cosa imprescindibile per la nostra esistenza, la cui mancanza ci può mandare in crisi, e può mandare in crisi il mondo.: “oddio facebook non funziona, e ora come faremo?” 3) Divertente come il social “antagonista per eccellenza” a facebook riesca ad avere grande visibilità su altri media grazie alla “disgrazia” del rivale. 4) Siamo arrivati al punto di non ritorno, per cui i social ci accompagneranno con le loro evoluzioni per tutta la vita, oppure si tratta di una moda, e come tale destinata a placarsi a lungo andare?

 

Eidsotweet: ora ci sono i social. Ma domani? Ci saranno altri strumenti cambieranno in modo radicale il nostro modo di comunicare?

 

Schermata 10-2456588 alle 12.41.45 Schermata 10-2456588 alle 12.42.11

Annunci