Miserable_men quando un comportamento diventa community

Con questa storia di piattaforme social che ci raccontano, ci uniscono per interessi comuni, creano legami che prima non c’erano sono balzata da un luogo all’altro e sono approdata su un piccolo fenomeno che vorrei segnalarvi.

Siamo su Instagram, la mia assoluta passione, la piattaforma che vive attraverso immagini e brevi filmati, è uno dei social oggi preferito dai millennials che si esprimono elaborando immagini e montando filmini con diverse tecniche espressive.

E’ il regno del glam e fashion ma è anche il posto dove sapendo cercare per # hashtag, con un buon occhio si scoprono, luoghi, alberghi, piatti, ristoranti, musei e curiosità di tutto il mondo in forma ancora spontanea e sincera.

Mi diverto a navigarci e saltare da un # a un’altro per arrivare in nuovi mondi.

Oggi vi segnalo una community che conta 66k seguaci, la definirei una community immobile: si chiama MISERABLE_MEN.

Sono più di 500 immagini di uomini che hanno accompagnato una donna a fare shopping e che vengono fotografati accasciati, irrimediabilmente annoiati, addormentati, assorti, ma certamente tutti hanno un’espressione che li accomuna: ma che ci faccio io qui!

Mi piace l’idea che la sofferenza sia comune in tutto il pianeta e chi ha qualche immagine par arricchire questo singolare angolo socio comportamentale può inviare miserablemenpics@gmail.com.

Schermata 02-2456715 alle 19.12.25

Eidos Tweet: con le piattaforme social si può contribuire alla lettura ‘visiva’ di fenomeni comportamentali.

Annunci