Italians do it better

Noi italiani, si sa, amiamo la dolce vita, il buon cibo e, soprattutto, la moda. I più grandi stilisti di tutti i tempi sono italiani; non importa che sfilino a Parigi tipo Valentino o vengano acquistati dai francesi, la culla rimane sempre il Belpaese.

Così, anche la nostra Nazionale di calcio ci tiene allo stile facendosi notare in questi giorni di febbre Mondiale per il suo look impeccabile dentro e fuori dal campo. A seguito di un sondaggio lanciato dalla sezione moda del giornale brasiliano O’ Globo, gli Azzurri sono stati incoronati i più chic della competizione battendo in maniera schiacciante (58% dei voti) gli argentini di Lionel Messi (qualcuno si ricorda l’agghiacciante smoking a pois esibito nel 2012 in occasione del Pallone d’Oro?) con il 14%, gli olandesi col 9%, i rivali spagnoli che si accontentano di un misero 7%, l’Iran con il 6% e, in ultima posizione, i giapponesi con il 4%.

1402479589_teams-1 (1)

I confronti sono stati fatti anche con la nazionale inglese, affrontata e affondata sabato scorso. Un’immagine, scattata all’arrivo di entrambe le squadre a Rio de Janeiro, ha mostrato in maniera evidente come la moda scorra nelle vene degli italiani: da una parte Balotelli & co. con il loro completo griffato Dolce & Gabbana (come l’orrido smoking di Messi ma c’è gusto e gusto), trolley in mano e faccia da schiaffi. Tutto il contrario della compagine inglese che scende dalla scaletta dell’aereo come adolescenti in gita con gli scout indossando una polo bianca e bermuda forniti dai grandi magazzini Marks & Spencer. Anche in questo caso abbiamo vinto dentro e fuori dal campo e si spiega come le riviste di moda si litighino copertine e servizi fotografici con i giocatori più affascinanti.

Al di là di quello che ci riserverà il Mondiale un primato l’abbiamo già ottenuto, il mito del calciatore tamarro è stato finalmente sfatato?

Marchisio-300dpi (1)

Mattia-De-Sciglio2

Andrea-Pirlo-cover-Vanity-Fair-23-2014_980x571

346-ic03_000_000_cover-buffon_lk5

 

credits images: L’Uomo Vogue, Style Magazine, Vanity Fair, Icon

Eidos Tweet: la classe non è acqua

Annunci