Vivere di nascosto da Google? Si può!!

google sa0bb881b3f2385dd87247f0aa582cf051Una delle più buffe contraddizioni della generazione digitale – che si sia nativi, acquisiti, young o old – è quella di stupirsi o lamentarsi del fatto che i motori di ricerca oppure i social network sappiano tutto di noi.

Beh, prima di tutto se si chiamano social un motivo ci sarà. E se poi passiamo le nostre giornate a postare, twittare, instagrammare, googlare ogni cosa ci capiti, non è poi così strano che la nostra vita digitale oltre ad essere nota ad amici e parenti lo sia anche a tutto il mondo della rete e, ovviamente, a Big G, la rete delle reti!

Partendo da un articolo pubblicato in questi giorni da Wired, ho seguito i link segnalati dalla guida realizzata da Cloud Fender, per scoprire cosa davvero Google sa di me. Provateci anche voi e vedrete che già nella definizione delle impostazioni del vostro account di Google c’è il modo più semplice per vivere in rete senza che la rete sappia proprio tutto di noi!

  1. Cosa Google pensa di noi.Per sapere in che profilo “di mercato” siamo “catalogati” in base ai dati raccolti da The Big G, a questo link troviamo la nostra fotografia digitale.  Importante ricordarsi che se non vogliamo che la rete e i suoi investitori (aziende, gruppi, partiti, etc) abbiano accesso alle info e alle tracce che magari anche inconsapevolmente lasciamo su Google Analytics, qui  decidiamo cosa vogliamo rendere noto e cosa no, attraverso proprio l’impostazione del nostro account.
  1. I nostri spostamenti.Se usate un cellulare Android, è molto probabile che questo abbia inviato a Google info sulla vostra posizione. La cronistoria di tutti i vostri spostamenti la trovate qui.
  2. Volete vedere tutto quello che avete cercato. Cliccate questo link per avere l’elenco di tutto quello che avete googlato, oppure i banner pubblicitari sui quali avete cliccato
  3. Farsi mandare il report sicurezza e privacy mensile. Se interessa un servizio di report mensile sui propri servizi Google in termini di sicurezza e privacy, ecco dove  dovete andare.
  4. Chi altro ha accesso ai vostri dati. Applicazioni o estensioni che hanno accesso ai vostri dati? Per scoprire a chi avete dato l’autorizzazione per fruirne (ad esempio i social network, siti, Google Chrome…) cliccate qui .
  5. Backup dati. Se si vogliono salvare e archiviare tutti i propri dati conservati su Google, attraverso questo link link è possibile farsi mandare da Google via mail cartelle zippate con ricerche,contatti, album fotografici, libri scaricati, mappe, video…insomma tutta la nostra storia e vita digitale. E qui  la cronistoria di video, musica e immagini scaricate da YouTube.

 

Eidos Tweet: caro Google è vero, sono una donna e ho un’età compresa tra i 45 e i 55 anni. Mi piace un sacco la buona cucina e quindi va bene che tu metta al primo posto dei miei interessi Alimenti e Bevande. Ma la mia passione sfrenata per la bicicletta, il fitness e peggio ancora RAP e Hip Hop da dove l’hai pescata? Mi sa che ti ho imbrogliato per bene!!

Advertisements