#IkeaTemporary: il mondo si ritrova in cucina. A Milano, dal 10 aprile.

CBbqiooW4AAQckt copiaNon per essere monotoni e nemmeno monomarchio ma, sfornando una nuova idea, progetto o campagna al mese, come si fa a non parlare ancora una volta di Ikea? E mai come in questo caso sfornare non è solo una metafora ma la parola chiave intorno alla quale gira tutta l’attività del primo temporary store cittadino aperto da Ikea a Milano, in via Vigevano 18, a due passi dal Tortona District. E se il pensiero delle celebri, amate e odiate polpette svedesi sta smorzando i vostri entusiasmi gastronomici, tranquilli qui si va ben oltre e si sforna di tutto e di più.

Da venerdì 10 aprile, apre i battenti #IkeaTemporary, anticipando la bagarre della Milano design Week, con annesso calendario di eventi #FuoriSalone, e accendendo i fornelli con largo anticipo su Expo.

Quartier generale di #IkeaTemporary, un intero palazzo di 4 piani, 1.400 mq dedicati a cibi dal mondo e cucine del futuro. Show room, punto vendita e al tempo stesso laboratorio dove sperimentare, condividere, assaggiare cibo e design.

Fino al 30 settembre, oltre 200 prodotti in vendita, un bistrot, un fitto calendario di eventi, appuntamenti con gli chef, show cooking e sfide in cucina. Tre i filoni food: : la scoperta della cultura del cibo nel mondo, le nuove tendenze e il cibo prodotto in casa.

Interessante anche lo spazio dedicato al design in cucina, con i concept innovativi ispirati alla “cucina del 2025” in collaborazione con l’incubatore londinese IDEO, l’EindhovenUniversity of Technology e l’Ingvar Kamprad Design Center dell’Università di Lund. All’interno del cortile, laboratorio a cielo aperto nello spazio ribattezzato Ikea Hacka, i primi appuntamenti saranno quelli con i designer di fama internazionale che durante il Salone del Mobile declineranno la propria idea di paesaggio domestico partendo dalla cucina modulare Metod nel catalogo del colosso svedese.

#IkeaTemporary, quattro piani e 5 mesi in nome del design, del food ma soprattutto della tecnologia e in particolare di Internet of Things, IoT, cioè gli oggetti e i mobili connessi e wirless. Non è un caso, infatti che da aprile Ikea lancia ripiani di mobili per cucina, tavolini, lampade e altri complementi d’arredo con ricarica integrata wireless per gli smartphone Lumìa. Niente più fili e caricabatteria, ci si siede al ristorante o ci si appoggia al tavolo della cucina e il cellulare comincia a prendere energia.

Eidos Tweet: che dire, a noi piacciono molto questi svedesi!!

Annunci