SHARING = CONDIVIDERE: le storie, il passato delle nostre città.

C’è un’associazione che ho conosciuto per caso domenica scorsa Jane’s Walk è un movimento mondiale di liberi cittadini, che conducono percorsi a piedi nella propria città ispirati da Jane Jacobs. Le passeggiate riuniscono gente per raccontare storie sui quartieri, riscoprire e esplorare angoli meno conosciuti comprendere le evoluzioni urbanistiche e sociali, e condividere impressioni e mettere in rapporto le persone.

Io ho partecipato alla passeggiata all’Isola, un quartiere che io definisco di ‘resistenza’ a Milano;  è una delle tante passeggiate che si sono  svolte in tutto il mondo in occasione della giornata della Jane’s Walk, un festival globale che onora la memoria di Jane Jacobs (1916-2006), un’urbanista e attivista i cui scritti ispirano alla costruzione della città attraverso un approccio innovativo e basato sulle comunità. Il progetto, iniziato nel 2006 da un gruppo di volontari di Toronto, città di adozione della Jacobs, si è diffuso in tutto il mondo e nel 2015 per la prima volta si è anche  svolto anche a Roma e a Viterbo. Mira a diffondere le idee della Jacobs tramite camminate che permettono ai partecipanti di conoscere meglio un angolo della loro città e incontrare altre persone interessate a riflettere sull’interrelazione fra il benessere dei luoghi e di chi li frequenta. Nel 2014 le passeggiate  nei 6 continenti, sono state in 25 paesi, in 134 città.

IMG_7685

Ho trovato persone molto interessate a spiegare che con grande naturalezza ci hanno accompagnato nella passeggiata aprendoci i portoni di case con cortili che non avremmo immaginato, riportando alla memoria lavori, artigiani e situazioni urbane non più immaginabili e facendomi passare due ore molto piacevoli ammirando i nuovi meravigliosi grattaceli di Porta Nuova che oggi allungano la loro ombra sulle case dell’Isola che ha davvero assunto una nuova identità.

Chiunque può creare una passeggiata perché ognuno è un esperto del posto che vive, dove lavora e dove gioca.

ecco le pagine Fb dedicate nelle varie città https://www.facebook.com/events/1611198459150102/

https://www.facebook.com/janeswalkrome?fref=ts

Per chi volesse approfondire, la versione italiana del capolavoro di Jacobs, “Vita e morte delle grandi città”, considerato un classico della sociologia urbana, è edita da Einaudi.


EidosTweet: sharing è anche andare alla scoperta di nuovi punti di vista per guardare alla città.

Advertisements