C’erano una volta i teenagers che stavano al telefono

..e non vedevano l’ora di  uscire di casa per incontrare gli amici.

Correva l’anno 1995 (solo 20 anni fa) e il 60% dei teenager passava ore al telefono quotidianamente, il 64% usciva regolarmente con amici anche perchè l’offerta di siti on line raggiungeva i 23,500 .

2015 il sovrappeso dei teenager è salito al 28% (11% vent’anni prima) anche perchè i ragazzi non si parlano più e si incontrano pochissimo, passano 7 ore e mezza al giorno davanti allo schermo: preferiscono messaggiarsi  piuttosto che incontrarsi. Una nuova forma di socializzazione che passa attraverso la proiezione di sè sui canali social primo tra tutti Instagram con un altissima percentuale di immagini di se  91% dei contenuti(selfie e non ) .

L’offerta digitale è salita a 1 miliardo e 200mila siti con il 95% di teenager che utilizza il web.

La chiamiamo la web o internet generation e sta cambiando le regole della socializzazione ma i principi restano gli stessi: i ragazzi cercano luoghi con minor controllo (Snapchat), facilità di utilizzo (poco sbattimento, zio!), immediatezza, divertimento “di pancia” (Vine), e questi luoghi non luoghi sono ormai digitali stanno cambiando linguaggi e regole legate all’immagine che oggi oscilla tra statica e dinamica con un crescita aspettata per i prossimi tre anni sulla condivisione di Filmati per il proprio racconto in diretta.

Questa infografica (dal USA) riassume e fotografa la situazione nelle ultime tre decadi

7501efbf6010e54c61e4a537a6d9e3c6

 

EidosTweet: ci aspettano generazioni mutanti con lunghe dita lingua inesistente e grandi occhi .

Annunci