Google Fortunetelling: quando il futuro diventa virale

domandeimagesGoogle predice il futuro. La solita bufala virale? In realtà una trovata originale di UNHCR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite, a sostegno dell’ultima campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per i rifugiati.

Negli ultimi due giorni ha spopolato in rete, sulle bacheche delle pagine dei social network e #fortunetelling, volgarmente detta chiromanzia o arte di prevedere il futuro, è balzata in cima alle parole più cercate sulla barra di Google. (Niente male direi, visto che ad esempio tra i Google Trends di oggi  ci sono Barack Obama, Casa Bianca, Papa Francesco, Coppa del mondo di Rugby e l’immancabile Equinozio).

Eccolo qui il Google Fortunetelling, versione tecnologica e social del vecchio indovino: nella barra di ricerca Google si può inserire la nostra domanda, un click su “predici il mio futuro” e il gioco è fatto!

Quello che, però, non ci si aspetta è che appena si inizia a scrivere la propria domanda, tra quelle suggerite compaiono:
Dove posso trovare un posto sicuro?
Ritroverò la mia famiglia?
Gli uomini smetteranno di combattere?

google internoGOOGLE_FORTUNE_TELLING_il_browser_predice_il_futuro_e_e_subito_virale2-620x327
Ed è da qui in avanti che il finto Google, che non ha nulla a che fare con la compagnia di Mountain View, si svela e ci porta su una pagina in cui gli ideatori affermano che non possono predire il futuro, ma che “60 milioni di rifugiati si chiedono ogni giorno se avranno un futuro”. Il progetto è volto a “creare consapevolezza. Abbiamo bisogno di soluzioni strutturali a livello politico”. 

Sempre nella stessa schermata, due link a pagine Google (vere) che raccolgono foto e video dei rifugiati, insieme al collegamento alla pagina del sito UNHCR su cui è possibile fare donazioni.

Il messaggio è chiaro: “Abbiamo utilizzato un falso sito Google per attirare la tua attenzione visto che apparentemente sei interessato di quello che sarà il tuo futuro. Per favore prenditi un momento per pensare anche al loro”.

Dietro il Google Fortunetelling c’è l’agenzia olandese BrainMedia che dall’analisi dei primi risultati ci dice che “la campagna sta avendo un ottimo successo in tutto il mondo; è incredibile. Siamo davvero molto felici che la gente si preoccupi di questo problema e decida di condividerlo creando consapevolezza.

 

Eidos Tweet: intanto noi condividamo

 

Annunci