Romanzo in diretta sul web: successo e riflessioni

Joshua-Cohen-jpg-2MARIONETTLINGERAlla mezzanotte dello scorso 16 ottobre si è felicemente concluso l’esperimento che ha visto lo scrittore americano Joshua Cohen scrivere in diretta su internet il romanzo Pckwck: una nuova versione, aggiornata alle regole del web, de Il Circolo Pickwick di Charles Dickens. Cinque ore al giorno per cinque giorni, sorvegliato dalla rete. Volto sempre in primo piano, con una telecamera puntata addosso, e commenti che fluttuavano in tempo reale. L’idea nasce dal collettivo Useless Press, conosciuto per l’originalità dei progetti editoriali, che ha chiesto all’autore di The Book of Numbers di scrivere un romanzo in queste condizioni; un work in progress di grande originalità, che ha generato sul portale pckwck.com oltre un milione di visite. Oggi lo stesso sito riporta la “sentenza”: il romanzo è stato terminato ed è pronto per essere acquistato on line (edizione cartacea, sia pure limitata). «Ho accettato di partecipare all’esperimento per capire davvero che cosa significhi essere controllato durante un atto di creazione letteraria e che conseguenze può avere» ha dichiarato Cohen a esperimento finito.

 

Schermata 10-2457323 alle 15.56.02E’ non è stata una “passeggiata”: durante la stesura di Pckwck, Cohen, su sua stessa ammissione, ha compiuto «decine di errori al minuto», che sono stati puntualmente rinfacciati dai commentatori! Il primo giorno l’interazione con i lettori è stata anche pesante, a cause delle volgarità e offese gratuite e del classico trolling di internet (“Oh, puoi introdurre un personaggio chiamato Senzacazzo?”). Ma alla fine sono arrivate anche osservazioni interessanti, richieste e critiche intelligenti. E’ il “bello” (e il “brutto”) del mondo digitale, bellezza… Così Cohen, con l’ausilio dei navigatori più seri, ha vinto la sua battaglia con il cronometro che scorreva sul lato sinistro dello schermo (sopra il volto dello scrittore ripreso dalla webcam, ricordando allo scrittore i minuti restanti per finire lo script). L’interazione con i lettori? Come è noto, i romanzi di Dickens vennero inizialmente pubblicati a puntate; ebbene, Il Circolo Pickwick non riscosse un vero successo fino al decimo episodio, quando analizzando i feedback dei lettori l’autore si accorse che l’introduzione di un nuovo personaggio aveva letteralmente rubato la scena (la “spalla” comica Sam Weller).

The_Pickwick_Papers_-_Project_Gutenberg_eText_19222Forse Dickens aveva previsto tutto, ma una riflessione di Cohen va presa in considerazione riguardo al futuro della produzione letteraria: “il testo scritto è simbolo della ‘cultura della permanenza’, che trova nello spazio determinato della pagina il suo contenitore naturale. Ma il mondo è in continua mutazione. Io mi interrogo sul senso di produrre un’opera fissa, individuale e permanente mentre tutto è in evoluzione».

Sottile e intrigante dubbio su cui ciascuno può dire la sua…

 

 

 

 

 

Eidos tweet: Joshua Cohen rilegge Dickens da nativo digitale. Ha ancora senso il romanzo chiuso e immutabile?

 

 

Advertisements