Archivio Mensile: gennaio, 2016

Barbie, una di noi.

di

Ha avuto la copertina di Time, perché è ingrassata. Si oggi parlo di Barbie, che è un po’ come quando mi sono vestita da fatina al carnevale di Venezia del 1987, una liberazione. Mattel… Continua a leggere

Date un Oscar a Di Caprio

di

Manca ufficialmente un mese alla tanto attesa Notte degli Oscar, la premiazione che i cinefili attendono per stilare la lista dei film da non perdere (comprese le pellicole straniere in lingua originale senza… Continua a leggere

Siqra: una app per sentirsi più sicuri

di

Mi pare interessante! Parlo io che in realtà non sono mai stata una gran collezionista di app. Prima per problemi di capienza del mio vecchio iPhone 4 – 8 GB… Ma anche ora… Continua a leggere

Gimme five

di

Adoro personalmente il basket, in particolar modo l’NBA! Mi piace oltre al gioco di per sé, lo spirito di questo sport (distante a mio avviso anni luce ad esempio dal calcio) dove si… Continua a leggere

Dieci libri da non perdere nel 2016

di

Non sono in grado di sapere se il World Economic Forum di Davos appena concluso abbia ancora un senso nella rivoluzione del presente. Quello che ho chiaro è che la tecnologia corre più… Continua a leggere

Arte e siti “hot” i volani per la realtà virtuale

di

La previsione è stata formulata alla recente edizione del CES di Las Vegas, la più importante fiera di elettronica di consumo nel mondo: il 2016 sarà l’anno della definitiva esplosione della realtà virtuale.… Continua a leggere

#svegliaitalia

di

Il 28 gennaio si discute in parlamento la legge sulle unioni civili, (il mio prossimo post è il 29, non potevo aspettare oltre) nel momento in cui scrivo sono assolutamente pessimista, non ce… Continua a leggere

Lunga vita all’ironia

di

Il post di oggi non vuole essere l’ennesimo elogio sui fenomeni del web tra Twitter, Youtube e Instagram, non voglio dirvi come la potenza della digital era ha portato emeriti sconosciuti a farsi… Continua a leggere

Umarells alla riscossa!

di

Umarell in bolognese significa letteralmente ometto, e va ad indicare in senso più allargato l’anziano ed il pensionato che popola le vie della città. Ne ha fatto un bel quadro qualche anno fa… Continua a leggere