Arte e siti “hot” i volani per la realtà virtuale

La previsione è stata formulata alla recente edizione del CES di Las Vegas, la più importante fiera di elettronica di consumo nel mondo: il 2016 sarà l’anno della definitiva esplosione della realtà virtuale. Intesa come esperienza high-tech da associare ai dispositivi come smartphone, tablet e tv di nuova generazione.

Due ghiotte notizie in tema, dalla natura profondamente diversa, sono arrivate proprio in questi giorni. La prima riguarda l’inaugurazione a Milano, avvenuta ieri alla Fabbrica del Vapore, di Uffizi Virtual Experience: una mostra virtuale, immersiva e interattiva. Caratterizzata da multiproiezioni immersive di immagini in movimento, la mostra-esibizione è incentrata su 1150 opere provenienti dalla Galleria degli Uffizi a Firenze, qui presentate in forma di quadri digitali interattivi.

123706130-fc8cfe23-5fc7-4f32-9bcb-7bb0f0a4059a

Con touch screen abbinati a ciascuna singola opera, la prima digital exhibition interattiva organizzata in Italia permette di ammirare particolari e dettagli assolutamente invisibili all’occhio umano. L’evento rientra nella rassegna “Ritorni al Futuro” promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, ed è curato dalla startup VIRTUITALY. Decisamente imperdibile, per chi ama la realtà virtuale (in cartellone fino al 10 marzo).

01-visori-1L’altra notizia ci suggerisce invece che l’industria del porno dovrebbe confermarsi pure nel nuovo anno come una delle chiavi del successo della realtà virtuale. Lo confermano i dati dell’osservatorio SimilarWeb che hanno evidenziato che nel 2015 l’interesse degli utenti verso immagini “a luci rosse” in realtà virtuale è notevolmente aumentato con il trascorrere dei mesi. Prendiamo i soli numeri del visore più cool del momento, l’Oculus Rift: secondo l’osservatorio, circa il 3% del traffico generato con il dispositivo nella fascia serale è derivato da un sito porno.

 

Google-scommette-sulla-realta-virtuale

In generale, i dati di SimilarWeb indicano che negli ultimi mesi dell’anno (quelli che hanno visto l’arrivo sul mercato dei visori Samsung Gear VR, Oculus Rift e Google Carboard) il traffico ai siti “hot” ha conosciuto un incremento esponenziale. Il picco a ottobre, con oltre 3 milioni di persone che hanno visitato i portali specializzati.

Arte e pornografia: chissà che approccio verso la realtà virtuale avrebbe avuto un iconoclasta liberal come Andy Warhol…

 

Eidos tweet: I volani della realtà virtuale? Arte e pornografia!

Annunci