#SanremoTrash: i gruppi d’ascolto.

Come mi diverto! Come molti ho il mio rito annuale: #SanremoTrash.

Un religione: la prima e l’ultima serata non si possono mancare.

Gruppi d’ascolto in formazione quasi a imitazione delle partite dei Mondiali di Calcio; il Gruppo non si cambia.

Ecco quindi dal mio osservatorio personale la Prima serata del Festival di Sanremo 2016 dal punto di vista dei Gruppi d’ascolto.

IMG_9959

  • Madre separata con figlia adolescente

Ovvero io che cerco di trasmettere un Rito alla figlia adolescente. E’ il terzo anno che lo vediamo insieme ma questa volta è giunta l’età per poter gestire il Rito: scelta del menu e qui ci siamo.. Deliveroo per ordinare quello che ci piace una volta alle 7,30 (arrivato puntualissimo nonostante la pioggia) e poi via, un’altra ondata di fame alle 22!

Chiacchiere e bomboloni scelti con cura perchè se trash deve essere, allora strafoghiamoci!

Nota: la figlia neo quindicenne all’apertura del festival annoiatissima si è poi scatenata nei giudizi come dev’essere, ricordando le edizioni passate (la sua memoria-dice-risale al 2006!) con paragoni critici tra presentatori e palcoscenici.

Cosa ho imparato: la ripetizione aiuta il ricordo e i confronti.

Chi ci è piaciuto: Lorenzo Fragola.

A ogni intervallo pubblicità invece di precipitarmi su twitter ho scelto:

IMG_9960

  • Lo sperimentatore, il deejay di RadioDeejay

Lui è Diego Passoni, ha inventato Il primo esperimento di programma tv pirata, girato e diffuso attraverso i social, in diretta televisiva e in contemporanea con Sanremo 2016 ma senza sovrapporsi al Festivàl. Come? Semplice: le nostre dirette cominciano non appena Carlo Conti chiamerà la pubblicità.

Un #citofonarepassoni per seguire il gruppo d’ascolto a casa Passoni su Periscope, via Twitter e su una pagina dedicata di Fb.

Cosa ho imparato: sono decisamente più trash del Festival!

  • Le fanatiche unite dalla fede estetica

C’è un gruppo di amiche unite da una sensibilità estetica molto forte, abitiamo in città diverse ma ci sentiamo affini unite dal Raptus per la bellezza e ci vediamo il Festival commentandolo in diretta su un lunghissimo post di Facebook.

Va fortissimo il commento su #carolocontiafricano, decisamente bassi i voti per Gabriel Garko che sembra la Guzzanti, perfetti i vestiti di Madalinea Ghinea e ci chiediamo cosa metterà l’ultima sera se siamo partiti così alti? E, secondo il gruppo, mi pare di capire che Noemi sia passata.

Cosa ho imparato: è più divertente essere cattivi e ironici tra amici a distanza che su twitter.

  • Il Tormentone

IMG_9970

Ma che Festival è se Peppe Vessicchio non c’é ?

EidosTweet: i social hanno saputo trasformare il Festival! le cose stanno cambiando.

Advertisements