Vicini di casa, Nescafè torna all’attacco

La storia dei rapporti con i vicini di casa mi porta a viaggiare tra le mie vite, le mie case tra napoli, roma e milano tra vicini di casa terroristi macedoni, il mitico professore del piano di sopra, la biondona vestita di rosso che ballava a capodanno con mio padre ‘strangers in the night’, le famiglie numerose  che hanno addolcito la mia  condizione di figlia unica, la parente napoletana ritrovata sul pianerottolo milanese, fino al mistero di chi possano essere i vicini che non vedi e non senti mai. Si è vero a Napoli è più facile stabilire un rapporto, diciamo che più che altro è inevitabile, ma a Roma e Milano può capitare di tutto, il brutto è quando non capita.

Il vicino di casa è un modello di socialità che spesso è stato evocato nelle pubblicità ma mai “occupato” da un brand. Ora lo sta facendo Nescafè e come la solito lo sta facendo bene. Quindi considerato che a suo tempo ha importanto il brunch in Italia, potremmo ritrovarci tutti a bere un caffè dai vicini. Si tratta dell’iniziativa #nextdoorhallo che lancia il tema con uno spot, un sito per un concorso, un originale iniziativa di street marketing  e una bella spinta social e chissà cosa altro ancora. Certo è che nell’epoca della condivisione virtuale dove tutti sanno tutto di tutti, ma senza sapere niente, forse è davvero il momento di prendere un caffè vero con il vicino. Ecco lo spot.

Qualche giorno fa a Milano hanno trasferito lo spot nella realtà: un intero condominio sui navigli dove hanno preso tutti insieme un caffè sul balcone uniti tra di loro da una speciale brandizzazione .

nescafè

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi vuole partecipare al concorso deve scattarsi un selfie con un proprio vicino, uno che abiti a non più di 100 mt dalla propria abitazione, e caricarla sul sito . Si vincono 4 viaggi da fare insieme.

EidosTweet: vicini ma mai abbastanza.

Advertisements