Cercasi un Pannella 2.0

Suona come piccola beffa, giusto un pò lenita dal fatto che l’istituto referendario è decisamente in ribasso nell’immaginario collettivo rispetto agli anni ’70 e ’80. Ma la cronaca ci dice che Marco Pannella, uno dei padri nobili dell’istituto, in questo momento non può  fare una battaglia per spingere la gente a votare il prossimo 17 aprile (indifferentemente “no” o “si”). Vale a dire quando si svolgeranno le consultazioni elettorali per il referendum abrogativo sulle trivellazioni in mare. Piccolo inciso: non chiedetemi qui di spiegarvelo, che è impresa… ciclopica! Do il mio piccolo contributo civile rimandandovi al link in tema del Governo.

Una cosa va detta: raggiungere il quorum del 50% con questo referendum sembra veramente difficile. Agli esperti una valutazione su come lo specifico quesito sia di scarso interesse (clamorosi in tal senso i sondaggi pubblicati) o se proprio l’istituto referendario abbia chiuso la sua parabola.

tortora-pannella-500x274Di certo c’è che Pannella, dato dalle cronache  gravemente malato e in lotta contro due tumori, è impossibilitato a partecipare all’agone in corso tra le due parti (per quanto “moscietta” come contrapposizione). Si, perchè basta leggere la pagina a lui dedicata su Wikipedia per capire cosa ha rappresentato il carismatico leader dei Radicali per i valori referendari. Se potesse, oggi inviterebbe gli italiani a votare sulle trivellazioni! Come detto, “si” o “no” poco conta. L’importante è superare il maledetto quorum. Da sempre acerrimo nemico di Pannella, forse più dei proibizionisti o degli antiabortisti.

Una vita, la sua, spesa a combattere per i diritti civili, con highlights quali il referendum sul divorzio e la spinta propulsiva nella società italiana del tema dell’eutanasia, mediato poi in “testamento civile”.

Ora che il vecchio leader è allo stremo, nei quadri dirigenziali e nei simpatizzanti radicali si fa largo il timore per un futuro che sembra essere ancora più complesso della difficile situazione odierna: non va infatti dimenticato che gli ultimi risultati elettorali sono stati talmente deludenti da spingere il partito fuori dal Parlamento. E certo non ha aiutato lo scontro tra Pannella e la vecchia amica e compagna di battaglie Emma Bonino, “gigante” della politica italiana a sua volta alle prese con una condizione fisica tutt’altro che brillante.

In tale triste scenario hanno assunto una certa valenza simbolica le immagini delle recenti visite di uomini politici, recatisi a casa Pannella, nei pressi del Quirinale, per portare stima e affetto al leader ammalato: Renzi, Berlusconi, Giachetti, Bertinotti, il ministro Orlando, tra i tanti.

Altrochè quorum il 17 aprile; la vera impresa è quella che aspetta la classe dirigente radicale: cercasi disperatamente un Pannella 2.0! E si vocifera che purel'”originale” si starebbe dando da fare in quella direzione con le residue forze. Anche per tenere viva l’attenzione sulla drammatica situazione nelle carceri italiane. Un’altra battaglia storica di Super Marco che potrebbe essere ereditata da un suo grande ammiratore, vale a dire Papa Bergoglio!

Eidostweet: il 17 aprile potrebbe consumarsi la definitiva sconfitta dell’istituto referendario. Sotto lo sguardo impotente di Marco Pannella

Annunci