Poverty Line: le immagini che ci fanno capire.

Vi è mai capitato di tornare da un viaggio dopo aver visto persone dormire sul ciglio della strada, nel fango e chiedervi: cosa significa veramente essere poveri? A questa domanda ci risponde Stephen Chow, secondo Nikon uno dei migliori fotografi Asiatici, in collaborazione a Lin Hui-Yi, ricercatrice di mercato, grazie al loro progetto “The Poverty Line”.

 

Vi starete sicuramente chiedendo in che modo, io non l’avevo capito subito.

Chow fotografa la quantità dei diversi tipi di cibo che una persona che vive sulla Poverty Line del suo paese può permettersi di comprare con il suo guadagno giornaliero.

Raccogliendo tutte queste fotografie e dati insieme a Lin confrontano i diversi paesi e stabiliscono in quale sarebbe meglio essere poveri( in senso relativo ovviamente).

Danno inizio a questo progetto in China nel 2010 e ora hanno girato altri 28 paesi.

L’idea viene a Chow ponendosi esattamente la nostra stessa domanda iniziale dopo due viaggi compiuti nella stessa settimana in due stati molto diversi tra loro: gli Stati Uniti e l’India.

Un documento interessante raccolto in questo sito.

 

EidosTweet: saper documentare con un senso estetico aiuta la diffusione del messaggio

 

Annunci