Cosa ci rimarrà di Euro2016?

I campionati europei di calcio sono terminati ieri con la vittoria a sorpresa del Portogallo. Un esito che nessuno o quasi si aspettava prima dell’avvio del torneo che ha portato il primo storico successo della storia per la squadra lusitana.

Complessivamente è stato un campionato avvincente, qualitativamente per il gioco espresso sul campo, forse non tra i più memorabili, ma sicuramente non scontato per il finale e per le tante sorprese e rivelazioni si sono susseguite.

Cosa mi ricorderò di questi Europei? Diverse cose. Ecco a tal proposito di seguito la mia breve shortlist raccontata con dei video. Buona visione!

1) La nazionale islandese

La rivelazione in assoluto di questi europei che contro tutti i pronostici è arrivata ad un passo delle semifinali. Accompagnata da un pubblico fantastico che con la sua geyser dance ha fatto innamorare tutta l’Europa, questa piccola isola lassù in alto è stata la protagonista di una bellissima favola. Un popolo davvero incredibile! Uhhhh!!!

 

2) I nostri azzurri

Ovviamente non poteva non essere presente la nostra nazionale. Partita tra molti dubbi e una sfiducia abbastanza diffusa, si è fatta largo con cuore e grinta nel girone più difficile di tutti, battendo Belgio e Svezia, e superando poi le furie rosse spagnole negli ottavi di finale. Solo i rigori contro la Germania hanno messo fine al nostro sogno o ma la sensazione che questo gruppo avesse la testa, la voglia e la possibilità di andare oltre nel torneo rimangono. L’esempio che il gruppo spesso va oltre le singole individualità!

 

3) Cristiano Ronaldo

Odiato o amato CR7 non è mai scontato. Partito in sordina con prestazioni iniziali non proprio all’altezza della sua fama, ha saputo comunque trascinare i suoi da vero leader sino alla finale. Le lacrime prima della sostituzione precoce nella partita di ieri contro la Francia sono una delle cose a mio avviso più sincere di questo campionato.  Vederlo poi saltare in panchina con un ginocchio malandato incitando, soffrendo e sostenendo i suoi compagni durante tutta la partita, quasi come fosse lui l’allenatore, è la testimonianza di quanto tenesse, forse più di ogni altro giocatore in campo ieri sera, a questa vittoria. Bravo!

 

4) I tifosi irlandesi

Il premio per i tifosi più simpatici e mattacchioni del Torneo l’hanno vinto loro: gli irlandesi! Sono stati l’incarnazione dello spirito gioioso che questo sport dovrebbe sempre portare con sè. Hanno animato le vie delle città francesi con i loro colori, i cori, le tante birre, e il loro buonumore! Un cheers per l’Iralanda!

 

Credits per immagine in apertura: Michael Regan/Getty Images

Eidostweet: e ora, nell’attesa che prendano il via le Olimpiadi di Rio, anche noi tifosi, prendiamoci un mese di meritato riposo! 😉

Annunci