Dear Hillary….

Cara Hillary, so che oggi si apre per te l’ultimo miglio tra l’essere un ex first lady e una vera candidata alla presidenza degli Stati Uniti, oggi prende il via la la convention di Filadelfia, che durerà fino al 28 luglio, che ti incoronerà  come candidata dei democratici alle presidenziali Usa dell’8 novembre.

Sono giorni che mi scrivi, sono una dei tanti indirizzi mail che si sono registrati al sito della tua campagna elettorale, quello che utilizzi per la raccolta fondi, cosa che fa del popolo Americano una specie a parte, un popolo che è pronto a mettere le mani in tasca un dollaro alla volta per far vincere il proprio candidato, senza dubitare in nessun modo che quello se li ficcherà in tasca per comprarsi il gelato. Ultimamente Hillary  mi scrivi anche tre volte al giorno, o mi fai scrivere da Bill, da Chelsea e ora anche da  Tin Kaine che hai scelto come vice president. Uno che a leggere la sua storia ti scende il latte alle ginocchia per quanto è buono, giusto e amato dai più deboli. Brava Hillary bella mossa. Certo di cose da dire ne hai ma tre volte  a volte mi fa percepire un filo d’ansia.

Screenshot 2016-07-25 09.12.00.png

Ieri mi ha scritto Bill, che ormai è un cagnolone, un golden retriver, che scondinzola ma che ancora lo fai stare alla catena, perchè non si sa mai, ed hai ragione. Si, ieri mi ha scritto: “Hillary and I have been married for over 40 years. Seeing her work up close is truly incredible — she’s committed to the task at hand, she’s always keeping the people she’s fighting for at the very front of her mind, and she’s one of the warmest people you could ever meet.” Si si, Hillary è la persona più calorosa che io abbia mai incontrato, così mi ha scritto, giuro!. Hillary  un consiglio però adesso digli di non esagerare sei tanto tanto brava, preparata, determinata, ma calorosa dai…va bene che vuoi diventare capo del mondo ma calorosa no. Certo dopo gli abbraccioni di Obama e Michelle un po’ di  calore umano è bene trattenerlo tra quelle mura ma non esagerare se no  non ci crede nessuno e si confondono con Scandal. Insomma Hillary, vai e vinci. Noi siamo qui ammirati da una storia che assomiglia sempre di più ad una serie tv (o è il contrario?) ma non importa, noi siamo qui pronti sul divano per il più grande spettacolo sperando nel lieto fine. Joker col parrucchino alla fine verrà sconfitto e volerà giù dal un grattacielo ma la scena finale sarà un primo piano sul parrucchino sull’asfalto, senza il corpo, lasciando noi spettatori con il dubbio che alla prossima serie possa tornare ancora. E’ così, no?  Dai Hillary scrivimi ancora. E Auguri!

EidosTweet: le elezioni Usa il più grande spettacolo del mondo 

 

 

Advertisements