Maggiore sicurezza su Instagram

I social network nascono con l’intento di dare vita a comunità accoglienti in cui le persone possano dialogare e condividere passioni civilmente.

Purtroppo non è sempre così.

Proprio oggi apprendiamo dai media la scomparsa di Tiziana Cantone, 31enne vittima della potenza dei social, che dopo aver inoltrato alle persone sbagliate un video criticabile, è finita in mondovisione. Spogliata della sua identità e dignità con prese in giro, video parodie, pagine social, annunci radio, ha deciso di farla finita.

Instagram fa un passo avanti in questo senso: la app offre la possibilità di bloccare preventivamente i commenti che contengono parole, frasi e persino emoji offensive.

L’opzione si troverà all’interno del menù Opzioni > tre puntini o icona ingranaggio > sotto la voce “Commenti”. Da lì si dovrà selezionare “Commenti inappropriati”, dove si troverà una lista preselezionata di parole inserite da Instagram (in inglese), alle quali si potranno aggiungere le proprie (in qualsiasi lingua, quindi anche in italiano). Bisognerà separare una parola dall’altra con le virgole (come quando si inseriscono i tag) e vale per frasi, numeri (nel caso qualcuno ne fosse infastidito) ed emoji: queste verranno contate sia singolarmente, che associate ad altre. Per esempio, eliminando l’emoji faccia di gatto, questa verrà filtrata anche se associata in un commento all’emoji del cane.

Eidos Tweet: i social network non sono più un gioco (forse non lo sono mai stati).

Advertisements