Due pensieri “da bar” su Fabrizio Corona

Non ho titoli per “giudicare” Fabrizio Corona, ma piuttosto l’opportunità di fare “discorsi da bar“. Come tutti, a maggior ragione se si tratta di un tema piuttosto popolare (perfino “pop” si direbbe, visto le tante sfaccettature del caso in termini di “costume”).

Di pancia mi verrebbe da dire che il “nostro” è una persona “malata”, detto, appunto, con il tono del chiacchiericcio popolare ma senza cattiveria per quanto mi riguarda. Anzi, perfino con dispiacere per lui. Potenziale diagnosi? Butto lì: narcisismo esasperato e delirio di onnipotenza, su tutto.

La sensazione, tra talk televisivi e giudizi sui social, è che la maggior parte dell’opinione pubblica sia contro di lui. Che, insomma, in fondo “se lo merita“. Che in un paese di atavici evasori fiscali lui deve pagare con il carcere per non aver colto la preziosa occasione dell’affido ai servizi sociali dopo le note “malefatte” del passato.

Può darsi. Nel mio piccolo penso invece che una persona “malata” debba essere aiutata. Non dalla collettività, ovviamente, ma dalla sua famiglia. Una madre e un fratello, a lui legati, ci sono. Non una passeggiata per loro, certo, ma probabilmente questa è l’ultima chiamata per Corona prima dell’abisso. Sempre di pancia mi vien da dire che il suo percorso deve essere paragonato a quello di un tossicodipendente, anche se non e’ quello il suo problema.

Infine: come “certe donne” anche “certi uomini” sono autolesionisti dal punto di vista sentimentale. Succede infatti che l’ex consorte Nina Moric, madre del figlio di Corona, si ritrova a vivere una nuova esistenza dopo anni difficili. Legittimamente vive una relazione sentimentale con il giovane modello Luigi Mario Favoloso (nomen omen?).

Insomma, ci sarebbero tutti i presupposti se non per una “pelosa” solidarietà almeno per un sano disinteresse. Invece la Moric ha così salutato su Facebook il nuovo arresto dell’ex marito

nina-moric-facebook-630x384

Malgrado l’italiano stentato il post ha ottenuto quasi 2000 like dal giorno della pubblicazione (con commenti quasi tutti a favore della Moric e del suo sarcasmo livoroso).

Ah Fabrizio! Dovevi sapere che le donne con origini slave hanno dentro una innata e naturale “cattiveria”! Non tutte eh, ma insomma… Ti auguro con sincerità di trovare lungo la strada una donna che ti sappia rendere felice. Ma solo se avrai evitato di essere inghiottito dall’abisso. Punto.

Eidostweet: il velenoso post di Nina Moric “racconta” molto dei problemi di Corona

 

Annunci