Arriva la bicicletta realizzata con gli utensili da cucina

 

ll cibo è da sempre uno dei mezzi di convivialità per antonomasia. È gioia, piacere e condivisione, è il momento che ci ritagliamo ogni giorno per staccare dalla routine quotidiana, è il modo in cui viaggiamo senza viaggiare.

Deliveroo, il servizio di premium food delivery che consente di gustare comodamente a domicilio il meglio della ristorazione cittadina (uno dei clienti dei quali mi occupo in Eidos) lo sa bene ed in occasione del lancio della nuova campagna #EccoUnaGioia – che vedrà protagonisti i momenti di socialità nel quale il cibo è un compagno indiscusso – ha realizzato un sondaggio internazionale condotto in 12 Paesi – Italia, Regno Unito, Irlanda, Belgio, Olanda, Francia, Spagna Germania, Australia, Hong Kong, Singapore ed Emirati Arabi – con il quale ha indagato il sentiment a livello globale a riguardo e il rapporto con la cucina e il cucinare, offrendo una lettura ulteriore rispetto a quello che normalmente può sembrare un normalissimo momento di pausa, come il pranzo o lo cena.

In Italia, per oltre la metà degli intervistati (54%) il pranzo domenicale in famiglia è il momento imperdibile di convivialità attorno alla tavola, davanti al brunch con gli amici (53%) (scelta più gettonata a livello globale con mediamente il 78% delle preferenze), alle uscite per appuntamenti galanti (46%), ai matrimoni (38%) e alle serate passate in casa di fronte alla tv o a un film (29%).

Situazione diversa ad esempio in Francia e Spagna: per i francesi il ricorso al cibo è pratica principalmente finalizzata al dating e ai nuovi incontri (57%) mentre per gli spagnoli il cibo conviviale è di regola la sera in situazioni di relax davanti alla tv o a un film (63%).

 

Il rapporto con la propria cucina: pochi utensili… ma buoni

Secondo il sondaggio, gli italiani affermano di possedere mediamente 17 utensili che dichiarano di utilizzare almeno una volta a settimana. 2 su 3 affermano di utilizzarne addirittura meno del 50% e tra quelli maggiormente inutilizzati spiccano su tutti il tostapane, gli imbuti e la macchina per i popcorn. Preferiscono cucinare durante i giorni feriali (78%) ed il momento preferito per prepararsi un pasto cucinato, per 1 su 3, è la cena del lunedì sera.

Gli olandesi al contrario, sono quelli che possiedono più utensili, in media 38 a cucina, seguiti da belgi e tedeschi con 37. Quelli che invece utilizzano meno i propri attrezzi da cucina

sono gli abitanti di Hong Kong, e quando decidono di farlo, è nella maggior parte dei casi durante i giorni feriali (90%).

Il valore quantificato in euro degli attrezzi per cucinare in Italia è tra i più elevati: mentre a livello globale quasi la metà (43%) quantifica in 500 euro il valore medio complessivo della propria strumentazione da cucina, In Italia tale valore sale a 583 euro – il che lascia supporre che si utilizzino meno attrezzi ma di maggiore qualità, complici anche migliori capacità culinarie.

 

L’iniziativa: l’up-cycled bike

Per incoraggiare le pulizie di primavera anche in cucina, Deliveroo ha ideato un nuovo modo per dare una seconda vita, in chiave eco-friendly, a quanto non viene più utilizzato tra i fornelli. Insieme a Sean Miles, ingegnere di Design Works, ha progettato e realizzato una bicicletta costruita con alcuni gli utensili meno utilizzati nelle cucine del Regno Unito – tra cui cutter, fruste, frullatore, mattarello, ecc…La bicicletta “riciclata” verrà utilizzata nelle consegne di Deliveroo a Londra.

Eidostweet: Come affermava Antoine-Laurent de Lavoisier “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”!

 

Annunci