L’eredità della Milano Digital Week, spunti di riflessione

La Milano Digital Week si è conclusa con un ampio successo di pubblico confermando l’anima innovativa e pionieristica della nostra città. L’evento, primo e unico nel suo genere, ha rappresentato un passo concreto verso la consapevolezza che il digitale non è una dimensione irreale e intangibile, ma influenza e trasforma costantemente il nostro quotidiano.

È stata una presa di coscienza collettiva da parte di tutti, professionisti e non, delle potenzialità effettive di un settore in continua crescita che si pone come trampolino di (ri)lancio anche della nostra economia. Digitale e innovazione sono dunque i punti di partenza da cui partire, i temi caldi su cui vale la pena soffermarsi con più attenzione.

Una ricerca condotta da Talent Garden- network globale di innovatori digitali- ha indagato con estrema puntualità queste due dimensioni, analizzando per il quarto anno consecutivo un milione e mezzo di tweet per capire quali sono stati i trend nel campo dell’innovazione.Qui potete consultare la ricerca completa, ma, in estrema sintesi, ecco quali sono stati i temi più discussi nel 2017:

 

  • Intelligenza artificiale. Questa disciplina, che ricordiamo occuparsi di progettare sistemi capaci di fornire alle macchine prestazioni che sembrerebbero essere proprie dell’intelligenza umana, è molto dibattuta a livello etico ma è un’area strategica interessante e da non sottovalutare.
  • Data Science. La scienza dei dati, fondamentale per identificare e sviluppare nuove opportunità di business.
  • L’automazione industriale. Comprende tutte le nuove tecnologie e il loro impatto sulla qualità e sulle performance del lavoro.
  • Criptovalute e transazioni online. Le opportunità offerte dalla blockchain sono potenzialmente infinite e garantiscono sicurezza e tracciabilità in una dimensione sempre più soggetta a compromissioni e attacchi informatici.

 

 

 

Annunci