3 LEZIONI CHE PUOI IMPARARE DA DESPACITO, VAMOS A LA PLAYA, WAKA WAKA & CO.

In italiano, inglese o spagnolo… non importa. Ogni estate ha sempre il suo.

Stiamo parlando del famigerato tormentone estivo, quel motivetto che canticchiamo, spesso anche storpiandolo, per tutta l’estate e che riesumiamo in inverno per ricordarci dei bei momenti trascorsi in spiaggia.

Una canzone tanto aspettata, essendo il simbolo ufficiale dell’inizio dell’estate, quanto odiata per tutte le volte che viene passata in radio in una sola giornata e che sembra perseguitarci ovunque andiamo: al bar, in macchina, in spiaggia o in piscina.

Per quanto proviate a evitarlo, il tormentone è sempre lì dietro l’angolo, in agguato e, credetemi, alla fine lo amerete. Di più: non potrete farne a meno.

Perché? Semplice: il tormentone estivo è il risultato perfetto e finito di un’ottima strategia di marketing dalla A alla Z in cui nulla è lasciato al caso.

Risponde alle esigenze del mercato stagionale – la voglia di libertà e di non pensare- è trasmesso su canali specifici in tempi studiati, ha una componente immateriale che ciascuno di noi può leggere in chiave personale, solo per citarne alcune.

Tutte caratteristiche che ogni buon strategist dovrebbe tenere in considerazione nel momento in cui deve capire come comunicare un determinato prodotto.

Vediamo insieme 3 piccole lezioni che possiamo imparare dal tormentone:

– Prima di pensare a come comunicare, identifica sempre il tuo pubblico anche potenziale. Come pensa, cosa fa, quali sono le sue caratteristiche, che cosa vuole?La gente d’estate non vuole pensare: vuole divertirsi, rilassarsi ed evadere anche solo con il pensiero. Il tormentone profuma di libertà, di esotico e di malizia; se poi è accompagnato da una coreografia semplice allora ha fatto jackpot.

– Scegliere i tempi e i canali giusti. Non c’è strategia che si rispetti senza una giusta considerazione del timing. Il tormentone deve essere lanciato prima dell’estate, idealmente in primavera, così che il pubblico si possa abituare al testo e al ritmo ed essere pronto a sfoderarlo in piena estate.

– Se il prodotto o servizio è complesso da comunicare, semplificalo e adotta una comunicazione semplice. La parola d’ordine è immediatezza: niente giri di parole o termini complessi… Arriva dritto al punto e coinvolgi la tua audience.

Questo  video dei The Jackal rende benissimo l’idea del potere di un tormentone estivo ben fatto. Pronti a ballare?

EidosTweet: Straziami, ma di tormentoni estivi saziami.

Annunci