L’estate del Social Media Manager. Tre trucchi per andare in vacanza sereni

Agosto vuol dire vacanza: la città è quasi deserta, alle mail la risposta più frequente è il messaggio automatico che annuncia l’out of office, ogni progetto che cercate di portare avanti viene rinviato a settembre… tutti chiari segnali che è arrivata l’ora di andare in ferie. Ma come sappiamo i social non vanno mai in vacanza, per cui cosa ne è del povero Social Media Manager? 

I social non vanno in vacanza ma il SMM sì

Sempre sul pezzo e in allerta per rispondere in tempi record a tutte le richieste della community, ad agosto anche il Social Media Manager inizia a sentire aria di vacanza e sogna atolli sperduti in cui scordarsi del wifi e delle credenziali di accesso a tutte le pagine che gestisce. Con qualche piccolo accorgimento questo piano può presto tradursi in realtà.

Tre trucchi salva estate

  1. Creare un piano editoriale estivo: oltre al content manager dei brand anche i follower sono in vacanza. Proporre loro contenuti estivi, sempre in linea con il linguaggio e la filosofia della pagina, sarà un’azione che apprezzeranno molto.
  2. Pubblicare sì, ma diminuire la frequenza dei post: già da luglio, ma soprattutto ad agosto non è necessario mantenere la stessa frequenza di pubblicazione, si può diradare la presenza social, puntando però su contenuti più freschi e coinvolgenti. 
  3. Usare dei tool di programmazione e pubblicazione automatica: programmare con grande anticipo i post grazie a tool come Hootsuite vi permetterà di staccare la spina e godervi il meritato riposo.

EidosTweet: Semel in anno… si deve riposare!