AMAZON E EBAY: IL BOOM DEI MARKETPLACE

Il lockdown ha cambiando e sta continuando a cambiare le abitudini dei consumatori, realtà che trova riscontro nell’aumento degli acquisti eCommerce.

Le persone si sono rifugiate nel mondo digitale e anche il consumatore più restio oggi sembra aver cambiato atteggiamento: il digital viene visto come una finestra verso il mondo esterno e come l’unica opportunità per effettuare acquisti, non avendo la possibilità di uscire. 

Il trend delle vendite di prodotti di largo consumo online è nettamente cresciuto: un’indagine di Netcomm rivela che il 77% delle aziende che vende online nei diversi settori ha dichiarato di aver acquisito nuovi clienti, a dimostrazione che la crisi ha portato diversi consumatori ad avvicinarsi per la prima volta agli acquisti online. 

I colossi come Amazon ed eBay hanno registrato enormi tassi di vendite e di crescita, e il trend sembra destinato ad aumentare. In questa fase, i marketplace hanno dovuto fare i conti con le esigenze della nuova domanda: Amazon, per esempio, ha avvertito gli utenti di possibili ritardi nelle consegne, oltre a comunicare la decisione di dare priorità alle consegne di prodotti di cui i clienti hanno maggiormente bisogno in questo momento di crisi.

Anche eBay, uno dei principali canali mondiali dove confluiscono venditori e compratori, sta registrando aumenti nell’utilizzo e nelle vendite. Infatti, molti sono i proprietari di piccole e medie attività che hanno pensato di utilizzare il marketplace come strumento di vendita, approfittando della situazione e del tempo a disposizione. Un’opportunità da non sottovalutare specialmente grazie alla visibilità data dai canali. 

Lo sviluppo dell’eCommerce è un fenomeno che non riguarda solo i colossi e le grandi organizzazioni, ma anche negozianti e piccoli artigiani che si stanno organizzando per far fronte alla nuova domanda.

Sono tanti i negozi di quartiere, già oggetto di un ritorno nelle preferenze di consumo, che si sono reinventati e non solo aprendosi all’eCommerce, ma vendendo le proprie collezioni sui social media, tramite dirette Instagram, assistenza di personal shopper e consegne a domicilio. 

In vista del new normal, l’e-commerce rappresenta il mezzo in grado di soddisfare le necessità di approvvigionamento a distanza, diventando così il canale di vendita privilegiato.