The Lady: trash o capolavoro?

Era una pausa pranzo come tante altre quella di mercoledì scorso, si discuteva di diversi argomenti relativi a tv, cibo, internet finchè sono venuta a conoscenza di una web serie che mi ha lasciata letteralmente a bocca aperta: The Lady, ideata, scritta, diretta, girata, montata da nientepopodimenoche Lory Del Santo.

Ammetto che la notizia non mi era nuova in quanto avevo già sentito qualcosa in merito ma non avevo mai avuto l’ardire di guardare una puntata considerando il personaggio che l’ha creata. Dopo quella coinvolgente discussione e l’accusa “Non l’hai mai visto???”, dovevo assolutamente rimediare e così sono entrata in questo magico mondo vintage. Vintage perchè tutto di The Lady, dall’improbabile doppiaggio alle ambientazioni fatiscenti, lo rimanda a un porno anni 90 senza che però ci sia niente di esplicito, solamente ammiccamenti di sguardi e dialoghi allusivi.

L’esperienza è stata surreale, a un primo sbigottimento segue una quasi perversa volontà a proseguire nella visione per capire dove vuole andare a parare.

Come definire The Lady? Apoteosi del trash non sarebbe abbastanza, questa serie va ben oltre qualsiasi definizione di spazzatura ma la cosa interessante è la totale consapevolezza di ciò. Lory del Santo, infatti, non voleva realizzare un capolavoro intellettuale in un patetico tentativo di elevazione culturale, voleva fare esattamente quello che ha fatto e ci è riuscita magistralmente. Partiamo innanzitutto dicendo che The Lady NON ha una trama, quello che si vede è semplicemente un susseguirsi di scene diverse buttate a caso senza un filo logico in cui il minimo comune denominatore è che prima o poi un ragazzo si leva la maglietta per mostrare il fisico (scolpito, tatuato e depilato).

10623339_850687724975828_6659952884619038144_oAlla protagonista, una ricchissima donna incline a riflettere sul senso della vita e dell’amore in perizoma sul terrazzo, ruotano attorno diversi personaggi presi dai peggiori casting di Uomini&Donne su cui, tra tutti, spicca l’ex re del trash nazionalpopolare: Costantino Vitagliano.

La sua parte è di gran lunga la più complicata in quanto a ogni puntata deve modulare con diversa intensità di  voce e inespressività di sguardi la sua unica battuta: “io ti amo”. Menzione d’onore alla guest star Guendalina Canessa che ricopre un ruolo di notevole spessore culturale (celebre la battuta “Che bello spendere soldi, mi eccita”).

Il resto del cast è popolato da tamarri di ogni genere, regione e fattezza, ragazze cervellone, appariscenti e seminude, camerieri cingalesi, loschi individui sfregiati nascosti misteriosamente dietro a colonne.

Nonostante le critiche, The Lady è stato un vero successo che ha registrato milioni di visualizzazioni su Youtube catturando l’attenzione di fior fior di intellettuali rimasti inizialmente esterrefatti ma successivamente rapiti da questo fotoromanzo web un po’ goffo ma estremamente divertente. Ecco diciamo che il sense of humor è la dote con cui deve essere preso perché è quella con cui è stato fatto.

Insomma se volete farvi una pausa piacevole, se avete bisogno di spegnere il cervello dal tran tran quotidiano, se morite dalla voglia di sapere che fine hanno fatto Costantino e Guendalina Canessa, allora non dovete assolutamente perdervi questa perla del web, ecco il link della prima puntata: https://www.youtube.com/watch?v=V8rIvnQD-JI

Buona visione!

Eidos tweet: grazie Lory del Santo per averci regalato queste chicche di gioia, attendiamo presto la seconda serie!

Annunci